Il verde in città con il Festival all’Auditorium

0
1051
Il verde in città con il Festival all’Auditorium

Nello spazio progettato da Renzo Piano a Roma, è arrivato il Festival del verde e del paesaggio, un percorso dedicato a giardini, balconi e avventure green.

La città si tinge di colori con il Festival del verde e del paesaggio. Il giardino pensile dell’Auditorium Parco della Musica si è trasformato per tre giorni, dal 15 al 17 maggio, in un percorso alla scoperta del verde, degli orti e degli arredi dedicati ai giardini. Un viaggio di 25mila metri quadri per scoprire giardini d’autore, balconi creativi, ma anche design da esterni e  strumenti per il giardinaggio.

Un mondo dedicato ai grandi, ma anche ai piccini, come il giardino intimo semi misterioso, omaggio all’architetto Luis Barragán, un’installazione da percorrere ascoltando i rumori classici di uno spazio verde, grilli e ranocchie, contornato da una pianta rampicante, originaria del Messico, meglio conosciuta come piccolo calice cinese.

Un luogo in cui sperimentare ed immaginare il proprio spazio verde, ma anche il semplice terrazzo cittadino, spesso esposto alle intemperie e difficile da mantenere, se non con molta dedizione. Proprio alle terrazze e ai balconi ha dedicato un intervento, nell’aria dedicata agli eventi, Carlo Contesso, scrittore del Corriere della Sera, intervistato dalla direttrice della rivista Gardenia, Emanuela Rosa Clot. Contesso ha spiegato la sua opera esposta nel giardino dell’Auditorium, dei veri e propri terrazzi prêt-à-porter, pensati per le varie esposizioni e per le caratteristiche delle piante. Quattro giardini, da nord a sud che riprongono delle possibilità per vivere il prorprio terrazzo, ricordando che è parte integrante della casa e perciò un luogo da vivere.

Tantissime le proposte di arredamenti e progettazione per i balconi cittadini, con aromatiche provenienti da tutto il mondo. Ma non sono mancati, orti e percorsi avventura, dove vivere pienamente, in un’esperienza un po’ selvaggia, il contatto con il verde. Anche per questa edizione ci saranno i premi da assegnare alle avventure creative, ai balconi per Roma e ai racconti brevi sotto le foglie. Alcuni riconoscimenti saranno concessi anche agli espositori, dal presidente e archittetto Fiorella Scarvaglieri, ai vivai, dalla botanica Bruna Pollio e infine ai giardini in terrazza, dalla giornalista Lilli Garrone.

LASCIA UN COMMENTO