Sarai Teens Digital Radio: la parola ai giovani

0
1235
radio sarai

Sarai : un verbo al futuro quello scelto per la prima radio digitale creata dall’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza. Fatta dai ragazzi e a loro rivolta

Sarai è il nome di una nuova radio. Una radio fatta dai ragazzi e studiata per averli come ascoltatori. L’idea nasce da una proposta dell’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza, Vincenzo Spadafora. Tutelare e promuovere i diritti di bambini e adolescenti permettendo loro di crescere sani sono i principi cardine della Convenzione Onu, secondo le disposizioni della quale è stata istituita la figura del Garante. E lo scorso 22 giugno, nel corso della quarta relazione annuale al Parlamento (alla presenza del Presidente Pietro Grasso), Vincenzo Spadafora ha lanciato Sarai Teens Digital Radio.

Radio Sarai nasce dall’osservazione di una innovativa esperienza locale, quella di Radio Kreattiva a Bari: una web radio antimafia gestita interamente dagli studenti delle scuole baresi. Il progetto ideato dall’Associazione Culturale Kreattiva nel 2005 va ben oltre il solo percorso di contrasto sociale alle forme di devianza e mafiosità presenti sul territorio. “Attraverso i nostri microfoni offriamo agli studenti e alla società civile barese la possibilità di confrontarsi, ascoltarsi, esprimersi e soprattutto proporsi, uscendo dalle logiche che vedono i più piccoli (i nostri speaker) come delle personalità sociali marginali.” Uno spazio importante per i giovani.

E Radio Sarai parte proprio da qui. Obiettivo: trasformare un’esperienza locale, in cui i ragazzi raccontano attraverso le loro parole il mondo di oggi, in realtà nazionale. “Radio Sarai, infatti è la prima radio istituzionale fatta dai e per i ragazzi, che aggregherà un network di radio digitali in tutta Italia. Il suo compito è quello di raccontare il mondo dei ragazzi, ma soprattutto offrire uno strumento di partecipazione per ascoltare il maggior numero di adolescenti.”

sarai relazione parlamento

Nel giorno della presentazione dei dati del sondaggio appositamente commissionato dall’Authority alla Swg su un campione di mille adolescenti e di un’elaborazione inedita curata dall’Istat sul mondo degli adolescenti, il presidente del Senato ha effettuato il primo click, quello inaugurale, di Sarai Teens Digital Radio.

Una risposta concreta al bisogno dei giovani di farsi sentire, di esprimere in prima persona problematiche e temi importanti, attraverso una radio che già dal nome guarda al futuro. Un futuro sempre più digitale, in cui la società tutta e i giovani stessi diventino sempre più consapevoli dei loro diritti. In questo scenario Sarai ha iniziato le sue trasmissioni. Solo online, ovviamente.

LASCIA UN COMMENTO