Il 30 aprile di 30 anni fa in Italia nasce Internet, per la prima volta il nostro Paese si collega ad un nuovo mondo, tutto da scoprire.

Internet è stato utilizzato per la prima volta in Italia il 30 aprile del 1986, anno in cui da Pisa è partito il primo collegamento alla rete.

Questo primo collegamento italiano è avvenuto grazie la rete satellitare atlantica SATNET, utilizzando una linea da 28 kbs.

Grazie agli studi effettuati da un gruppo di ricerca della città di Pisa, è stata possibile la nascita del progetto della nuova rete Arpanet, attraverso la quale il Centro Universitario di Calcolo Elettronico (CNUCE), dopo aver realizzato il primo collegamento alla rete di internet, ha avuto la gestione dei domini nazionali “.it”, creati solamente a partire dal 23 dicembre del 1987.

Tuttavia scoprire la storia della nascita di internet significa ripercorrere molte tappe importanti per un mezzo di comunicazione che oggi ci accompagna quotidianamente.

Questo mezzo, che 30 anni fa è stato considerato un progetto interessante ma vago dagli studiosi del CERN di Ginevra, deve tutto agli studiosi pionieri Tim Berners Lee, Vinton Cerf e Robert Calliau, che sono stati i primi a credere nella forza di una rete che potesse collegare il mondo intero.

Solo agli inizi degli anni ’90 dello scorso secolo, il National Center fot Supercomputing Applications ha realizzato una prima e basilare versione di browser.

Il CERN, dalla nascita della prima rete fino al 1993, ha avuto i diritti d’autore di questo mezzo di comunicazione che però nello stesso anno viene reso di dominio pubblico.

In Europa gli italiani sono stati tra i primi a collegarsi all’innovativo internet insieme agli americani degli Stati Uniti d’America.

Il 30 aprile è così diventato un giorno particolare in cui ricordiamo la nascita di un mezzo di comunicazione che ha reso possibile una connessione della popolazione mondiale in ogni momento della giornata.

Internet, 30 anni di storia, per ricordare che l’innovazione è fondamentale.

LASCIA UN COMMENTO

1 COMMENT

Comments are closed.